colazioni-breakfast

Salò km 25

Comune di Salò   

Abitanti: 10266
Altitudine: 65
Superficie: 29,00
Provincia: Bs
CAP: 25087

La piccola città a sud-ovest, che si incastra quasi nell’ampia baia, ha la più lunga passeggiata del lago di Garda. Il centro storico, risalente al periodo medioevale, ha un forte richiamo sul pubblico grazie ai numerosi negozi di famosi stilisti italiani. Nel 1901 Salò è stata quasi completamente distrutta da un terremoto. Ancora oggi, le rovine su cui è stata poi costruita la passeggiata lungo il lago, ricordano questa forte scossa. Un po’ fuori dalla città, nella parte sud della baia, si trova la famosa spiaggia di ciotoli, punto d’incontro, ogni fine settimana, delle famiglie italiane. Anche la cucina ha dato fama a Salò: in modo particolare le specialità di pesce che vengono servite nei numerosi ristoranti in riva al lago, sono una vera squisitezza.


Salo’ : Da vedere

Distesa su un incantevole golfo ai piedi del monte S. Bartolomeo (m. 568), Salò è la “capitale” dell’Alto Garda bresciano. Il centro storico, compreso tra piazza Carmine, la “Fossa” e il lungolago, è un fitto susseguirsi di strade, vicoli e piazzette con dimore signorili, eleganti negozi, ristoranti e bar. Numerosi sono gli alberghi, anche di ottimo livello, gli affittacamere, le trattorie. Frequentatissimo è il mercato del sabato mattina. Le frazioni del Comune (Barbarano, Campoverde, Cunettone, Renzano, San Bartolomeo, Serniga e Villa) offrono tantissimi motivi per gite e passeggiate. Pesca sportiva, surf, canottaggio, vela, tennis possono essere praticati con facilità; ci sono impianti pubblici per il nuoto, il calcio, la pallavolo, il basket e le bocce, palestre private anche per la pratica di danza, ginnastica, scherma, judo, etc. La posizione geografica di Salò, tra la Valtenesi, la Valle Sabbia e l’Alto Garda, è particolarmente favorevole. Numerosissime sono le corse di pullmann per Desenzano, Brescia e Riva; da marzo ad ottobre ci sono corse regolari di battelli da e verso i principali centri lacustri.

Salò : Chiesa di S. Bernardino

Risale al 1476 e conserva un trittico raffigurante la “Natività con i Santi Francesco d’Assisi e Giuseppe”, di Zenon Veronese, autore anche dell’ancona (1532) collocata sull’altare maggiore.

Salò : Il palazzo della Magnifica Patria e il palazzo del Podestà

Entrambi sul lungolago, tra vicolo Conforti e piazza della Vittoria, ospitano oggi gli uffici comunali. Il primo è del 1524, l’altro è stato ricostruito nel 1905, dopo il terrremoto che nel 1901 lo danneggiò notevolemente. Nella sala consiliare si possono ammirare il busto di Gasparo da

 Salò, opera dello scultore Angelo Zanelli e, sul soffitto, il “Trionfo della Croce”, affresco di G. Andrea Bertanza. Nell’atrio si trovano affreschi di Angelo Landi. Sotto il portico che collega i due palazzi sono murati stemmi e lapidi.

Salò : La biblioteca dell’Ateneo di Salo’

Nel 1564 il poeta salodiano Filippo Meio Voltolina fondava a Salò l’Accademia degli Unanimi con lo scopo di sostenere le attività culturali. Si diede così il via ad una biblioteca che, con il passare degli anni, si è arricchita notevolmente fino a raggiungere gli attuali 25.000 volumi, cui si devono aggiungere i manoscritti del ’200, incunaboli, codici ed edizioni di documenti della Magnifica Patria dei primi anni del ’500. La biblioteca (tel. 0365/20338) è aperta il martedì ed il giovedì, dalle ore 15.20 alle ore 17.30.

Salo’ : Il Duomo

Sorge al centro della città, sul luogo che ospitava, anticamente, un tempio pagano e, in seguito, la Pieve di S. Maria. La prima pietra della attuale Chiesa, dedicata a S. Maria Annunziata, fu posta il 7 ottobre 1453 su progetto di Filippo delle Vacche. Bellissimi sono la facciata ed il portale; all’interno è la cappella del SS. Sacramento, con decorazioni di Giovan Battista Trotti, detto il Malosso. Numerose tele e gli affreschi del coro sono di Palma il Giovane e Antonio Vassilacchi. Di epoca più antica è il Crocefisso ligneo di Giovanni teutonico; degni di ammirazione sono il Polittico di Paolo Veneziano (1300 – 1362), due quadri del Romanini (1484 – 1566), poi una ricca serie di opere di Zenon Veronese (1484 – 1553), Moretto (1498 – 1564), Andrea Celesti (1637 – 1712), G. Andrea Bertanza, Angelo Landi (1879 – 1944) etc. In luglio, nella piazzetta antistante il Duomo si tengono i concerti di musica classica dell’Estate musicale.

Non solo limoni e cedri

Ma anche liquori e cioccolatini e biscotti e marmellate. La coltivazione dei limoni sul lago di Garda diede impulso ad una vera e propria industria e fin dalla metà del XVIII secolo si iniziò la produzione dell’acqua di cedro che promossa da medicinale a bibita veniva esportata anche in America. La cedrata, che si promuove con la voce di Mina, ed i cioccolatini al gusto di limone e di cedro, sono oggi le più note testimonianze d’una tradizione agronomica che ha segnato i secoli della vita gardesana.


INFORMAZIONI DI PUBBLICA UTILITA’

Carabinieri
Tel.112

Caserma Carabinieri
Via del Panorama 25087 Salò
Tel.+39 0365 40240 – 40241
 

Centro Dialisi
25087 Salò
Tel.+39 0365 297218
 

Emergenza Sanitaria
Tel.118
 

Guardia Medica
25087 Salò
Tel.+39 0365 297223
 

Ospedale
Località Montecroce 25015 Desenzano del Garda
Tel.+39 030 91451
 

Ospedale
Piazza Bresciani, 5 25087 Salò
Tel.+39 0365 2871
 

Polizia Municipale
25087 Salò
Tel.+39 0365 522500
 

Soccorso Pubblico di Emergenza
Tel.113
 

Ufficio Informazioni e Accoglienza Turistica
Piazza S.Antonio, 4 25087 Salò
Tel.+39 0365 21423
 

Vigili del Fuoco
Tel.115