near-lake

Manerba del Garda km 66

Comune di Manerba del Garda

Abitanti: 3761
Altitudine: 162 m
Superficie:28 km²

Provincia: Brescia
CAP: 25080

Manerba : Da vedere

Si estende su un promontorio che, intorno alla rupe della Rocca (m. 215), domina il lago e la Valtenesi, raggiungendo a sud la punta S. Sivino, ad ovest i primi rilievi morenici e, a nord, oltre il rio d’Avigo e punta Belvedere, la spiaggia della Romantica. Cinque sono le frazioni del Comune: Pieve, Balbiana, Montinelle, Gardoncino e Solarolo, che è sede del Municipio e della Pro loco (Via Garibaldi, 19 – tel. 0365/551121). Appartiene al territorio comunale anche l’isola di S. Biagio o “dei conigli”. Accanto all’agricoltura, che privilegia l’olivo e la vite, il turismo e il commercio costituiscono le principali attività economiche: numerosi sono i campeggi e gli alberghi. Molti ristoranti offrono i prodotti tipici del luogo: pesce, vino, olio, tartufi.

Manerba : La pieve di S. Maria

Ancora abbastanza appartata nei pressi del lago e in zona centrale rispetto al suo vasto territorio su cui sono sparse le numerose chiese sussidiarie, sorse nei secc. VII-VIII su un tempio pagano e su un precedente edificio del V-VI sec., accanto a resti più antichi, forse appartenenti ad una villa romana. Ricostruita probabilmente nel sec. XI, è a tre navate divise da tre pilastri rettangolari che sorreggono archi a pieno centro. La pieve è il monumento più importante per il periodo medioevale anche per la decorazione pittorica dell’interno. Vi sono conservati stupendi affreschi, tra cui il “Martirio di S. Orsola e compagne”, del sec. XII, considerato un rarissimo esempio di pittura romanica, l’”Annunciazione”, del sec. XIV, e la “Madonna in trono” fra i SS. Sivino e Rocco.

Manerba : La chiesetta di S. Sivino

Posta sul promontorio di S. Sivino, uno sperone roccioso prospiciente la riva del lago, ha un’unica navata con prospetto a capanna. L’interno è suddiviso in campate da archi a tutto sesto che reggono un tetto a vista. Nella parete esterna, verso sud, è murata la “pietra del patto del diavolo” cui è legata una curiosa leggenda: Attorno al 1200, giunse a Manerba un mugnaio. Il lavoro era continuo e gli affari andavano a gonfie vele perchè egli macinava il grano anche per metà della popolazione di Moniga. Improvvisamente, però, gli venne a mancare l’acqua che alimentava il mulino. Dopo aver inutilmente pregato S. Sivino, il mugnaio decise di chiedere aiuto al diavolo, che gli si presentò sotto le spoglie prima di un frate poi di un nobile cavaliere, assicurandogli aiuto in cambio della sua anima dopo la morte. E fu così che in cambio del lavoro e della ricchezza, il mugnaio si vendette; il contratto venne regolarmente firmato: il mugnaio impresse la mano sul di una pietra, sil diavolo firmò con l’impronta del piede. L’acqua ritornò, gli affari ripresero ad andar bene per il mugnaio che aggiunse un’altra ruota al mulino. Avvicinandosi alla morte, il mugnaio però cominciò a temere per la sua anima e, confessatosi, dopo aver promesso di regalare il mulino e il denaro alla chiesa, ottenne l’assoluzione. Grande fu allora l’ira del diavolo, che sconquassò quasi completamente la casa e se ne andò scornato facendo diventare paglia i soldi. Così, sulla pietra del patto venne fatta incidere la croce, che ancora si può vedere insieme alle impronte della mano del mugnaio e del piede del diavolo.

Il Museo civico archeologico della Valtenesi

È ubicato in piazza Simonati, a Montinelle. Vi sono raccolti i reperti archeologici rinvenuti durante le campagne di scavo effettuate sulla Rocca tra il 1971 e il 1976, alla pieve di S. Maria tra il 1977 e il 1980 e al Riparo Valtenesi, sotto il Sasso, tra il 1976 e il 1983. Interessante risulta la ricostruzione di una piattaforma funeraria del neolitico; sono pure esposti i corredi tombali: punte di freccia, aghi in rame, ceramica decorata ed una collana in steatite, rame e conchiglie. Di grande interesse un deposito di 140 spilloni in bronzo di varie tipologie, reperti epigrafici, frammenti di mosaico e di intonaci parietali dipinti.

INFORMAZIONI DI PUBBLICA UTILITA:’

Areoporti

  • Brescia G. D’Annunzio – Montichiari T. 030 9656599
  • Verona V. Catullo – Villafranca T. 045 8095666

Autostrada Brescia-Verona

  • Casello di Desenzano T. 030 9120040
  • Viabilità T. 167012812

Emergenze

  • Carabinieri T. 0365 551010
  • Polizia T.113
  • Pronto intervento T. 112
  • Vigili del Fuoco T. 115
  • Vigili Urbani T. 0365 552025
  • Volontari del Garda T. 0365 43633 – 0365 520953

Distretto Sanitario

  • comunale T. 0365 551629
  • Brescia T. 030 39951
  • Desenzano T. 030 91451
  • Montichiari T. 0365 40361
  • Poliambulanza T. 030 35151

Comune

  • Biblioteca – Viale Risorgimento, 3 T. 0365 552548
  • Farmacia T. 0365 551044
  • Guardia Medica Turistica T. 0365 551629
  • Imbarcadero Porto Dusano T. 0365 552311
  • Municipio T. 0365 659801
  • Parrocchia T. 0365 551026
  • Società traghetti T. 030 9141321

Scuole

  • Scuola elementare T. 0365 551055
  • Scuola materna T. 0365 551288
  • Scuola media T. 0365 551134

Utilità

  • Poste e Telefrafi T. 0365 551033
  • Proloco T. 0365 551121
  • Stazione ferroviaria Desenzano T. 030 9141247
  • Trenitalia Info e Prenotazioni T. 892021
  • Valtenesi Soccorso T. 030 9907993