swimming-pool

Lazise km 22

Lazise

.

.

Comune di Lazise

Abitanti: 6.055
Altitudine: 65 s.l.m.
Superficie: 64.95 Kmq
Provincia: Verona
CAP: 37017

Da vedere

Lazise, tra Bardolino e Peschiera, deriverebbe il proprio nome da “laceses”, che significa “luogo lacustre”. Di chiara impronta medioevale è il suo nucleo più antico, circondato dalle mura erette dagli Scaligeri nel sec. XIV e il cui grazioso scenario è dominato dal castello. Angoli pittoreschi sono la piazza V. Emanuele e il porticciolo, ancora animato dalle barche dei pescatori. Vi si affacciano case e portici con bar, ristoranti e negozi che si susseguono poi anche lungo i caratteristici vicoli. Due sono le frazioni del Comune: Pacengo e Colà. La vita economica, un tempo basata quasi esclusivamente sulla pesca e sull’agricoltura, in particolare sulla coltura della vite e dell’olivo, è oggi centrata sul turismo, che fa di Lazise una delle mete preferite della “Riviera degli olivi”. Numerosi sono gli alberghi, i residences, gli appartamenti, gli affittacamere, i campeggi; non mancano i locali tipici dove si possono gustare i piatti a base di pesce di lago, l’olio extra vergine e i vini del Garda veronese.

Il Castello

Eretto alla fine del sec. IX a difesa delle incursioni degli Ungari, più volte rimaneggiato e fortificato, è uno dei castelli gardesani meglio conservati. Ha pianta quadrata, con cinque torri e il mastio. Ai due ingressi, nell’alto del mastio, sono ancora visibili gli stemmi, seppur fatti scalpellare dall’imperatore Massimiliano, di Bartolomeo e Antonio della Scala. “La giustizia del mondragòn la ghe dà torto a chi g’ha rasòn” diceva la gente di Lazise commentando lo stemma con il drago che campeggiava sulle mura: un proverbio che prova la diffidenza verso il potere esercitato con la forza. Il castello è compreso nel parco della villa Bernini.

La chiesa dei Santi Zeno e Martino

Citata per la prima volta in un documento del 1295, fu dedicata a S. Zeno, protettore della chiesa veronese, delle acque e della pesca. Riedificata dalla fine del Settecento su progetto prima dell’architetto Luigi Trezza, poi di Francesco Ronzani, custodisce la pala di San Martino (1828), di C. Dusi, e la Via Crucis (1831), di P. Testoni; le statue sul frontone della facciata sono di A. Spiazzi.

La chiesa di S. Nicolò

Eretta sul porto nel sec. XII dagli Originari e dedicata a S. Nicolò da Bari, venerato nel Medioevo come protettore delle scuole e dei naviganti, ampliata nella seconda metà del sec. XVI, divenne nel tempo magazzino, teatro, caserma, abitazione, cinematografo. Ritornata al culto nel 1953, anche come Sacrario dei Caduti in guerra, reca sull’esterno della parete settentrionale l’affresco trecentesco della Madonna in trono con il Bambino. Durante la stagione turistica estiva è oggi riservata al culto evangelico.

La Dogana veneta

Costruita nel Trecento, fu arsenale scaligero e veneziano, “tezone” per la produzione del nitro necessario alla composizione delle polveri da sparo, dogana per le merci in entrata ed uscita dal territorio veneto, mercato, stabilimento per la filatura del cotone, Casa del Fascio; dopo il restauro del 1973 ospita mostre ed iniziative culturali. Lungo m 43,10 e largo m 23,50, alto mediamente m. 10, presenta due arcate, larghe alla base m 8,75; per l’architettura veronese dei secoli scorsi è un edificio del tutto singolare.

INFORMAZIONI DI PUBBLICA UTILITA’:

Carabinieri

Tel.112
 

Caserma Carabinieri
37017 Lazise
Tel.+39 045 6471013
 

Emergenza Sanitaria

Tel.118

Guardia Medica 
37014 Castelnuovo del Garda
Tel.+39 045 6450712 / 6445132
 

I.A.T. Ufficio Turistico 
Via Francesco Fontana, 14 37017 Lazise
Tel.+39 045 7580114 Fax.+39 045 7581040

Polizia Municipale
37017 Lazise
Tel.+39 045 6445117
 

Pronto Soccorso – Clinica di Cura Privata “Dr. Pederzoli”
Via Monte Baldo, 24 37019 Peschiera del Garda
Tel.+39 045 6449111
 

Pronto Soccorso – Ospedale di Bussolengo

37014 Bussolengo
Tel.+39 045 6712111
 

Soccorso Pubblico di Emergenza

Tel.113
 

Vigili del Fuoco

Tel.115